Uno specialista del San Martino membro dell’Academia Nacional de Medicina.
Prof. Paolo Pelosi insignito ll 6 luglio 2017 del Diploma di Membro della Academia Nacional de Medicina (ANM)
primo italiano nel campo della Anestesiologia e Terapia Intensiva per il Sud America, in virtu' della rilevante produzione scientifica nel campo della Terapia Intensiva ed Anestesiologia in particolare nel campo della ventilazione protettiva nel periodo perioperatorio e nel trattamento dei pazienti affetti da grave insufficienza respiratoria ipossiemica (ARDS) con un notevole impatto nel miglioramento delle conoscenze patofisiologiche e nel inquadramento diagnostico e trattamento clinico dei pazienti critici. Inoltre si evidenzia il lungo periodo di collaborazione per lo sviluppo scientifico sia a livello clinico che sperimentale tra il Prof. Pelosi e il suo gruppo presso la UO Anestesia e Terapia Intensiva, Ospedale Policlinico San Martino IRCCS per l'Oncologia e DISC, Universita' degli Studi di Genova e la Prof. Patricia Rocco Direttrice del Laboratorio di Fisiologia della Universita' Federale di Rio de Janeiro, Brasile.

La ANM e' la piu' importante Accademia di Medicina del Brasile e del Sud America e parte integrante della organizzazione delle attivita' cliniche e pratiche afferenti alla Medicina e salute Pubblica nel continente sud americano. E' stata fondata dal Imperatore Don Pedro I il 30 giugno del 1829, e le sue finalita' sono rimaste immodificate nel corso degli anni ed in particolare contribuire allo sviluppo della Medicina sia dal punto di vista clinico, didattico e di ricerca oltre che di organo consuntivo per il Governo del Brasile. La ANM e' la piu' antica e unica' entita' culturale e scientifica di Medicina del Sud America, che promuove inoltre numerosi eventi scientifici nazionali ed internazionali, nei vari campi della medicina.

Tale riconoscimento risulta di esempio per i giovani studenti e ricercatori, ed evidenzia la importanza delle collaborazioni internazionali per lo sviluppo clinico, didattico e scientifico finalizzate al miglioramento del trattamento dei pazienti critici, in particolare nel periodo perioperatorio e ricoverati in Terapia Intensiva con evidenti ricadute sul Sistema sanitario nel suo complesso.